19 Set 2014

ACA: gestione morosità e nuovi piani di rientro

L'Azienda Comprensoriale Acquedottistica ha inviato una comunicazione a tutti i Comuni serviti per informare i cittadini sul nuovo piano di rientro per la gestione delle morosità.

La rilevante morosità accumulata nella riscossione dei consumi non consente all'A.C.A. S.p.A. di posticipare ulteriormente l'attività di recupero crediti e di riduzione di portata nei limiti consentiti nel regolamento d'utenza. Le difficoltà economiche del momento hanno indotto l'azienda a concentrarsi sulle possibilità di dilazionare il pagamento del debito maturato, in maniera tale da ridurre sensibilmente i casi di riduzione di portata. In tale prospettiva, l'azienda ha in corso di elaborazione una nuova procedura di calcolo, che offre, all'utenza non in regola con i pagamenti, la possibilità di ottenere dei piani di rientro molto più vantaggiosi. Il sistema di determinazione della rata si fonda su un criterio di equità basato sulla capacità economica per le diverse fasce di utenza (privati, condomini e commerciali). Si è proceduto con un abbassamento della rata minima prevista per le diverse fasce di riferimento a loro volta rivedute, a favore dell'utente, nei valori minimi e massimi del credito. Tanto si comunica affinché possa essere data ampia conoscenza delle opportunità offerte all'utenza per evitare i costi ed i disagi della procedura di riduzione e riprisitino della portata. A titolo esemplificativo si allega la scheda sintetica piano di rientro utenza.

SCHEDA SINTETICA PIANO DI RIENTRO UTENZA

PIANO DI RIENTRO UTENTE SINGOLO

- Se la morosità è fino a euro 150 è concessa rateizzazione per utente singolo con rata minima pari a euro 75 mensili

- Da euro 151 a euro 500 rate da minimo 80 euro mensili

- Da euro 501 a euro 1000 rate da minimo 120 euro mensili

- Da euro 1001 a euro 2000 rate da minimo 200 euro mensili

- Da euro 2001 a euro 4000 rate da minimo 300 euro mensili

- Da euro 4001 a euro 6000 rate da minimo 400 euro mensili

- Da euro 6001 a euro 10.000 rate da minimo 500 euro mensili

- Oltre 10.000 euro 7% dell'importo a debito per utente singolo

PIANO DI RIENTRO CONDOMINI

- Per i condomini la rata minima è la medesima che per gli utenti singoli ma va moltiplicata per il numero degli utenti condominiali

PIANO DI RIENTRO UTENTE COMMERCIALE

- Se la morosità è fino a euro 400 la rata minima è di euro 200

- Da euro 401 a euro 500 rate da minimo 300 euro mensili

- Da euro 501 a euro 1000 rate da minimo 350 euro mensili

- Da euro 1001 a euro 2000 rate da minimo 400 euro mensili

- Da euro 2001 a euro 4000 rate da minimo 450 euro mensili

- Da euro 4001 a euro 6000 rate da minimo 500 euro mensili

- Da euro 6001 a euro 10.000 rate da minimo 550 euro mensili

- Oltre 10.000 euro 7% dell'importo a debito

SECONDO PIANO DI RIENTRO

E' autorizzabile un secondo piano di rientro solo quando l'utente: singolo, condominio o commerciale, produca idonea documentazione attestante il sopraggiungere di un grave motivo che ha di fatto modificato la sua situazione finanziaria. Al secondo PDR sarà applicato un incremento del valore della rata pari al 10%

UTENTI CON REDDITO MINIMO

Nei confronti degli utenti che producono il modello ISEE si applicano ulteriori agevolazioni in base agli scaglioni di reddito, come segue:

- Reddito fino a euro 2500 lordo annuo: massimo 36 rate

- Reddito da euro 2501 ad euro 7500 lordo annuo: rata minima € 50 numero massimo di rate 40 

- Reddito da euro 7501 ad euro 12.000 lordo annuo: rata minima € 75 numero massimo di rate 36 

Diversi cittadini hanno contattato gli uffici comunali perché non hanno ancora ricevuto le bollette dell'acqua. A questo proposito:

Il Comune di San Giovanni Teatino, unitamente alla società A.C.A. S.p.A., informa la cittadinanza che la fatturazione relativa al periodo giugno 2013 - giugno 2014 sarà inviata entro il mese di settembre c.a.

Le ragioni del ritardo nell'emissione delle fatture relative all'utenza idrica sono dovute al cambio di gestione della società, con conseguente analisi di tutte le utenze per rilevare i consumi reali.

Inoltre, per evitare sovrapposizioni di scadenze, i consumi idrici successivi al periodo in oggetto saranno fatturati dopo la scadenza dell'ultima rata relativa alla prima fattura.

La fatturazione dei consumi idrici, sul calcolo dei volumi trimestrali relativi al periodo in considerazione, sarà unica, ma rateizzata in 4/5 scadenze mensili, senza ulteriori oneri di spesa.

Per qualunque informazione o chiarimento, è possibile chiamare l' 800 890 541

Read 8789 times Last modified on Venerdì, 19 Settembre 2014 08:12
Rate this item
(1 Vote)

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità dei nostri siti. Maggiori informazioni privacy policy.

Accetto l'utilizzo di cookies.