Comunicati

Comunicati (1173)

20 Mag 2015

Ferraioli passa in maggioranza. Giunta Marinucci rafforzata ad un anno dalle elezioni (video)

<p>

 

Roberto Ferraioli passa in maggioranza. Il consigliere comunale , eletto nelle amministrative del 15 e 16 maggio 2011 nella lista Insieme, con una lunga esperienza politico-amministrativa, sin dall'inizio aveva preso le distanze dalle altre forze di opposizione costituendo un gruppo indipendente.

La comunicazione ufficiale oggi alla presenza del sindaco e di Marco Cacciagrano, nuovo capogruppo di Progetto Comune (sarà ufficalizzato nei prossimi giorni, infatti l'Assessore Massimiliano Bronzino, che mantiene le attuali deleghe, con grande senso di repsonsabilità, ha deciso di lasciare l'incarico di capogruppo, a causa di nuovi pressanti impegni di lavoro).

Ad una anno dalle elezioni comunali, l'amministrazione guidata da Luciano Marinucci, oltre che compatta si conferma polo d'attrazione di chi voglia impegnarsi per la città, partecipando e proseguendo il sano ed efficace progetto politico e amministrativo.

Tornano così ad essere 12 i componenti della maggioranza (11 più il sindaco), cinque quelli di opposizione, tra questi i dissidenti Mirella Federico e Paolo Cacciagrano.

 

19 Mag 2015

La storia della pizza a San Giovanni Teatino (video)

Osvaldo Sterchellini, imprenditore, esercente, ma soprattutto pizzaiolo. A Sambuceto, a San Giovanni Teatino, ha scelto di vivere la sua vita familiare e professionale, quasi 50 anni fa. La nostra comunità gli è grato per tante ragioni. L'attaccamento a questo territorio, alla nostra gente e soprattutto perchè la sua pizza è nella bocca, e nella pancia, di tanti nell'area metropolitana. La pizza di Osvaldo è un'icona per quanti vengono da lui e a San Giovanni Teatino per mangiarla.

"Questo video è un omaggio alla storia e alla professionalità di Osvaldo - dichiara il sindaco Luciano Marinucci che aggiunge - chiediamo alla popolazione di segnalarci storie e personaggi che meritano di essere menzionati e ricordati come esempi positivi per i nostri giovani e per la nostra comunità".

 

19 Mag 2015

Abruzzo Inclusivo per San Giovanni Teatino

Il Comune di San Giovanni Teatino sta promuovendo sul territorio l'opportunità offerta dal progetto RE.L.O.A.D. (REinserimento Lavorativo Orientamento Accoglienza Di utenza svantaggiata).

Si tratta dell'intervento proposto dagli Enti d'Ambito 29 (del quale fa parte San Giovanni Teatino) 28 e 20 che insieme al altri soggetti pubblici e privanti, hanno avuto finanziato il progetto per 400 mila euro.

L'intervento proposto ha la finalità, di sperimentare la partnership pubblico-privato sociale fondata sull'integrazione tra politiche sociali, sanitarie, formative e del lavoro; di rafforzare l'occupabilità di persone svantaggiate in carico ai Servizi sociali; di sperimentare un servizio innovativo sociale multitarget, multidimensionale e basata su di un approccio comunitario; di elaborare e verificare modelli di progettazione personalizzata dei percorsi di inclusione sociale connessa a nuove forme di sostegno per l'inclusione attiva; di valorizzare l'apporto del sistema dei servizi sociali e alle finalità del Fondo sociale e al contrasto della povertà.

Due sono le linee di intervento del progetto: Sportello di contrasto alla Povertà e all'Esclusione Sociale (finalizzato all'individuazione, presa in carico e redazione di un progetto individuale di inclusione socio-lavorativa dei soggetti in condizione di svantaggio o povertà) e  Azioni di inclusione attiva (finalizzata alla attivazione di tirocini extracurriculari in favore di utenti dei servizi prima indicati e, per quelli gravati di cura all'erogazione di voucher di servizio.

I destinatari dell'intervento, finanziato per 400 mila euro, sono le persone residente nei Comuni dei tre Enti d'Ambito (29, 28 e 20), disoccupati o inoccupati, gravati dalle situazioni di svantaggio quali: persone con disabilità, over 45 anni, donne vittime di violenza, persone uscite dalla dipendenza, ex detenuti, immigrati, senza fissa dimora, persone i situzione di povertà certificata da ISEE inferiore a 6 mila euro. Dei 70 posti disponibili, 30 (trenta) sono destinati all'Ente d'Ambito 29 (quello che include San Giovanni Teatino).

Le domande, informa l'amministrazione comunale di San Giovanni Teatino vanno presentate entro e non oltre il 2 giugno 2015, per raccomandata A/R o consegna a mano o con PEC ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

all'indirizzo: Comune di Francavilla al Mare, corso Roma 7 Francavilla al mare.

Info 085.4920242 - 085.4920236 (Ente d'Ambito 29)

Link per allegato domanda. http://www.comune.francavilla.ch.it/archivio10_notizie-e-comunicati_0_15516_0_1.html

19 Mag 2015

Canone di locazione. Avviso per assegnazione contributi

L'Avviso pubblico per  l’assegnazione del contributo a sostegno del pagamento del canone di locazione per l’anno 2014 ed il modello per presentare l'istanza di contributo sono state pubblicate sull'Albo Pretorio. Di seguito riportiamo  l'avviso.

Facciamo notare che la scadenza per la presentazione dell'istanza è quella del 30 giugno p.v.

 

AVVISO PUBBLICO

 

per l’assegnazione di contributi a favore di conduttori di immobili ad uso abitativo quale sostegno per il pagamento dei canoni di locazione anno 2014

 

Il RESPONSABILE DEL SETTORE II

Affari Generali e Servizi al cittadino

Servizio Politiche della casa

Premesso che:

-          presso il Ministero dei lavori pubblici è istituito, ai sensi dell’art. 11 della Legge 431/1998  il Fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione, la cui dotazione annua è determinata dalla legge finanziaria, ai sensi dell'articolo 11, comma 3, lettera d), della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni;

-          con D.M. 7 giugno 1999 del Ministero dei lavori pubblici sono stati fissati i requisiti minimi dei conduttori per beneficiare dei predetti contributi;

-          con D.M. 29 gennaio 2015 il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha approvato il riparto delle risorse del Fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione relative all'annualità 2014;

 

RENDE NOTO

che a partire dalla data di pubblicazione del presente avviso e sino alla data del 30/06/2015, i conduttori di alloggi in locazione (inquilini) in possesso dei requisiti sottoelencati possono presentare domanda per ottenere contributi quale sostegno per il pagamento dei canoni di locazione anno 2014.

Nel caso di cambio di abitazione o di stipula di nuovo contratto avvenuta nel corso dell'anno 2014, dovrà essere presentata distinta domanda per ogni rapporto contrattuale.

Requisiti per l’ammissione.

Per l’ammissione è necessario il possesso, alla data di presentazione della domanda, dei seguenti requisiti:

1. cittadinanza italiana o di Stato di provenienza (Gli immigrati devono possedere il certificato storico di residenza da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero cinque nella medesima regione, comma 13, art.11, decreto legge 25.06.2008, come convertito con Legge 6 agosto 2008, n.133. I cittadini comunitari sono ammessi se in regola con il diritto a soggiornare nel territorio nazionale ai sensi del D.Lgs. 30/2007. Gli extracomunitari sono ammessi se muniti di permesso o carta di soggiorno in corso di validità);

2. residenza nel Comune di San Giovanni Teatino, quale conduttore in locazione di alloggio non a canone sociale;

3. titolarità per l'anno 2014 di un contratto di locazione per alloggio sito in San Giovanni Teatino, stipulato per abitazione principale e non avente natura transitoria, debitamente registrato o depositato per la regolarizzazione della registrazione entro i termini di scadenza del presente avviso. Per intervenuta separazione legale, la domanda potrà essere presentata dal coniuge con diritto all'abitazione coniugale. Il contratto deve essere relativo ad alloggio di proprietà privata, con esclusione degli alloggi di ERP già assoggettati alla disciplina del canone sociale ai sensi della Legge Regionale n° 96/96 e degli immobili inseriti nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9. (Per contratto avente natura transitoria deve intendersi: il contratto stipulato per soddisfare esigenze abitative del tutto temporanee e contingenti -esempio: locazione ad uso foresteria, per motivi di studio o di lavoro, abitazione secondaria per periodo limitato, ecc.- e, in ogni caso, il contratto stipulato per locazione di durata inferiore ad anni uno, anche se prorogato).

4. residenza anagrafica nell'alloggio, per il periodo interessato al contributo;

5. reddito annuo convenzionale complessivo (riferito all’anno 2013) non superiore al limite per l’accesso agli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (€ 15.853,63). Per la determinazione del limite precedente, dal reddito imponibile complessivo 2013 si detraggono (con riferimento alla data del 31/12/13):

€ 516,46 - per ogni figlio minorenne

€ 516,46 - per ogni ulteriore componente, oltre i primi due ed esclusi i figli minorenni, fino ad un massimo di sei. Qualora alla formazione del reddito concorrano redditi di lavoro dipendente questi, dopo la detrazione dell’aliquota per ogni figlio che risulti essere a carico, sono calcolati nella misura del 60%.

N.B. Il reddito convenzionale (€. 15.853,63) è utile solo ai fini di stabilire il requisito per accedere ai contributi, mentre ai fini dell’incidenza canone/reddito deve farsi riferimento al reddito imponibile

6. Limiti di reddito per l’accesso al contributo (incidenza canone/reddito):

FASCIA A - Reddito annuo imponibile complessivo del nucleo familiare (dichiarazione 2013) rapportato ai mesi del canone, non superiore a due pensioni minime INPS anno 2013 (€. 12.881,18), rispetto al quale l'incidenza del canone sul reddito non sia inferiore al 14%;

FASCIA B - Reddito annuo imponibile complessivo non superiore a €. 15.853,63 rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 24%.

I redditi di riferimento sono quelli relativi all'anno 2013, mentre per i canoni di locazione occorre far riferimento a quelli pagati nell’anno 2014.

I limiti di reddito di cui sopra sono innalzati del 25% in presenza di nuclei familiari che includono soggetti disabili con invalidità riconosciuta dalle competenti commissioni ASL , ovvero familiari ultra sessantacinquenni.

7. non titolarità da parte di qualsiasi persona residente nell'alloggio di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su uno o più immobili ad uso abitativo di superficie complessiva adeguata secondo i parametri indicati dall'art.2 della L.R.96/96;

Nucleo di riferimento

Ai fini del presente avviso il nucleo da considerare è quello composto dal richiedente e tutti coloro, anche se non legati da vincoli di parentela, anagraficamente residenti nell'abitazione alla data del 31/12/2013, pur se con stato di famiglia separato.

Nell’ipotesi di nuovo rapporto contrattuale in immobile diverso da quello occupato alla data del 31/12/2013, il nucleo da considerare è quello anagraficamente iscritto nella nuova abitazione alla data di decorrenza del contratto ovvero alla data del trasferimento anagrafico del richiedente, se successiva.

E' considerato facente parte del nucleo anche il coniuge del dichiarante, o di altro componente, pur non risultando iscritto sullo stesso stato di famiglia.

Non deve essere indicato il coniuge con diversa residenza solo quando si verifica uno dei casi previsti dall'art.1- bis punto 4 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 maggio 1999 n.221 e successive modificazioni.

Situazione economica e patrimoniale.

La situazione economica e patrimoniale sarà verificata relativamente al nucleo come individuato dal precedente punto.

I redditi di riferimento sono quelli risultanti dalla dichiarazione dei redditi 2014 riferita all'anno 2013 o, in mancanza di obbligo di presentazione della dichiarazione medesima, i redditi come risultanti dalla certificazione consegnata dai soggetti erogatori nonché tutti gli ulteriori emolumenti, indennità, pensioni e sussidi percepiti a qualsiasi titolo, anche esentasse, costituenti una ricorrente fonte di sostentamento.

Autocertificazione dei requisiti

I requisiti e le condizioni per la partecipazione al presente avviso sono attestabili mediante dichiarazioni sostitutive ex artt. 46 e 47 D.P.R.445/2000.

Entità del contributo

L’entità del contributo è determinata in rapporto all’incidenza del canone annuo 2014, quale risulta dal contratto di locazione e/o dalla ricevuta di pagamento dell'imposta di registro, sul reddito complessivo del nucleo come individuato ai sensi del presente avviso.

Il contributo è così calcolato:

- per i nuclei con reddito annuo complessivo non superiore ad € 12.881,18 (Fascia A),l’incidenza del canone sul reddito va ridotta fino al 14% e il contributo da assegnare non deve comunque essere superiore ad €. 3.098,74/anno;

- per i nuclei con un reddito annuo complessivo non superiore ad € 15.853,63 (Fascia B), l’incidenza del canone sul reddito va ridotta fino al 24% e il contributo da assegnare non deve comunque essere superiore ad €. 2.324,05/anno;

I limiti di reddito di cui sopra possono essere innalzati sino ad un massimo del 25% in presenza di nuclei familiari che includono soggetti disabili con invalidità riconosciuta dalle competenti commissioni ASL , ovvero familiari ultra sessantacinquenni.

Il contributo è attribuito in base ai mesi di locazione e, in ogni caso, a decorrere dalla data di decorrenza della residenza anagrafica, se successiva.

Il contributo viene erogato nell'importo e con le modalità come sopra indicate, salvo riduzione proporzionale in rapporto all'entità dei fondi concessi ed al numero delle domande presentate.

I contributi di cui al presente avviso non sono cumulabili con le detrazioni ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche in favore dei conduttori (comma 2, art. 10, Legge 431/98).

Erogazione del contributo

Il Comune provvederà alla ripartizione ed erogazione del contributo in unica soluzione, successivamente alla ripartizione dei contributi da parte della Regione Abruzzo in favore dei Comuni, sulla base delle richieste presentate e della disponibilità finanziarie.

Termine di presentazione delle domande

La presentazione delle domande dovrà avvenire entro e non oltre la data del 30/06/2015.

Modalità di presentazione

Le domande di partecipazione al presente avviso devono essere compilate unicamente sui moduli appositamente predisposti dal Comune ed in distribuzione presso i Servizi Sociali, nonché disponibile nel sito ufficiale del Comune di San Giovanni Teatino

Le istanze, debitamente firmate, devono pervenire presso l’Ufficio Protocollo del Comune entro e non oltre il 30/06/2015, mediante una delle seguenti modalità:

a)      a mano presso l’Ufficio Protocollo;

b)      raccomandata postale A/R;

c)      posta elettronica certificata all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. da in indirizzo di posta certificata o cec-pac.

La firma sulla domanda non è soggetta ad autentica.

La domanda deve essere firmata e inoltrata unitamente a copia fotostatica di un documento d'identità, valido, del sottoscrittore.

La mancanza della firma in calce alla domanda è causa di esclusione.

Documentazione da allegare alla domanda:

- fotocopia contratto di locazione recante gli estremi di registrazione;

- fotocopia ricevute pagamento locazione anno 2014;

- fotocopia ricevuta pagamento imposta di registro anno 2014;

- CUD 2014/dichiarazione dei redditi 2014 (redditi anno 2013);

- dichiarazione ISE/ISEE per i redditi dell’anno 2013 .

I cittadini comunitari devono produrre:

- fotocopia attestazione di regolarità di soggiorno rilasciata ai sensi del D.Lgs. 30/2007;

 Gli extracomunitari devono produrre:

- fotocopia permesso o carta di soggiorno in corso di validità;

Controlli e sanzioni

Ai sensi dell’art. 71 del D.P.R. 445/2000 spetta all’Amministrazione Comunale procedere ad idonei controlli, anche a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive.

Ferme restando le sanzioni penali previste dall'art.76 D.P.R. 445/2000, qualora dal controllo emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione sostitutiva, il dichiarante decadrà dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera (art.75 D.P.R.445/2000).

L’Amministrazione Comunale agirà per il recupero delle somme indebitamente percepite, gravate di interessi legali.

Avvertenze

Le domande incomplete, prive della documentazione richiesta nonché quelle presentate fuori termine, saranno archiviate.

Informativa sull’uso dei dati personali e sui diritti del dichiarante – D.Lgs n.196 del 30.6.2003

I dati personali acquisiti con la dichiarazione sostitutiva:

a) devono essere necessariamente forniti, per accertare la situazione economica del nucleo del dichiarante e i requisiti per l’accesso secondo i criteri di cui al bando;

b) sono raccolti ed utilizzati, anche con strumenti informatici, al solo fine di erogare il beneficio e in ogni caso per le finalità di legge;

c) possono essere comunicati al Ministero delle Finanze e alla Guardia di finanza per i controlli previsti;

d) il dichiarante può rivolgersi, in ogni momento, agli enti ai quali ha presentato la dichiarazione o la certificazione per verificare i dati che lo riguardano e farli eventualmente aggiornare, integrare, rettificare o cancellare. Può chiederne il blocco e opporsi al loro trattamento, se trattati in violazione di legge. Gli aggiornamenti, le integrazioni, le rettifiche e le cancellazioni avranno effetto sulla graduatoria solo se effettuate entro i termini stabiliti dalle amministrazioni comunali;

e) il Comune di San Giovanni Teatino, al quale vengono presentate le dichiarazioni, è il titolare del trattamento dei dati stessi.

 

San Giovanni Teatino,  19 maggio 2015

 

                                                                                                                          il responsabile del settore ii

                                                                                                                                                                                       f.to Dott. Massimiliano Spadaccini

17 Mag 2015

Il mercato nella piazza di Sambuceto (video)

L'amministrazione Marinucci ce l'ha fatta. Il mercato torna in centro, nella piazza e torna ad essere anche luogo di socializzazione e aggrezazione. Queste sono le immagini e le prime sensazioni ad inizio mattinata di venerdì 15 maggio

 

15 Mag 2015

TARI 2015. L'amministrazione informa i cittadini

TARI 2015. L'amministrazione informa i cittadini contribuenti di San Giovanni Teatino

In questi giorni sono stati consegnati gli avvisi di pagamento della TARI.

A differenza del 2014, quanto è stata introdotta la TARI (novità che ha costretto il comune alla richiesta di un anticipo, in giugno e settembre, e poi di un saldo, quantificatosolo in novembre quando l'ente ha avuto certezza del fabbisogno per coprire il costo del servizio rifiuti),

quest'anno il Comune già conosce il costo complessivo del servizio ed ha potuto da subito indicare ai cittadini l'intera cifra da pagare (NON ci sarà quindi alcun saldo a fine anno).

Attenti dunque a non confondere l'intera tariffa comunicata in questi giorni per il 2015, con quella che lo nello stesso periodo del 2014 era solo l'acconto.

I cittadini possono pagare in tre rate o in unica soluzione: con bonifico bancario o con modelli F24, che a differenza dei bollettini non prevedono costi aggiuntivi per cittadino ed ente.

 

ATTENZIONE

 

·         Non è più possibile pagare la TARI con i bollettini.

·         Ogni modello F24 (sono 3 per tre rate) è diviso in due parti identiche che fanno riferimento alla stessa rata. La parte superiore resta all'ufficio bancario o postale (come scritto sull'avviso di pagamento) la parte inferiore al cittadino come ricevuta di pagamento.

 

La TAssa RIfiuti deve coprire integralmente il costo di raccolta, differenziazione e smaltimento dei rifiuti.

Questo costo è leggermente superiore all'anno precedente a causa di nuovi oneri che il Comune di San Giovanni Teatino è costretto a pagare (circa 100 mila euro).

Benchè  l'aliquota applicata nel Comune di San Giovanni Teatino è rimasta invariata, si registra un lieve aumento proprio perché applicata ad un costo del servizio maggiore  

Piccole variazioni della tariffa in aumento, ma anche in diminuzione, possono essersi verificate, proprio a causa dei conteggi previsti dalla Tari, e giustamente sono state segnalate ai nostri uffici.

Ricordiamo ai cittadini/contribuenti che nei nostri uffici c'è personale preparato e disponibile per ogni chiarimento.

Ribadiamo, infine, che grazie alla buona gestione dell'ente in San Giovanni Teatino non si sono verificati e non si stanno verificando quei disservizi che stanno causando problemi ai cittadini residenti nei comuni limitrofi che, è bene sottolinearlo, pagano tariffe TARI ben superiori alla nostra (esempio: in via Tiburtina a Pescara si paga quasi il doppio che a Sambuceto).  

Chiediamo ai cittadini comprensione e collaborazione. Pagare le tasse non è mai piacevole, ma è necessario per avere servizi.

Il nostro impegno è garantirli a tutti nell'ottica della trasparenza, dell'efficienza e dell'efficacia, ovvero "no agli sprechi per pagare tutti e meno".

 

14 Mag 2015

Registro carico e scarico sostanze zuccherine. Procedura di vidimazione

LA PROCEDURA DI VIDIMAZIONE DEI REGISTRI DELLE SOSTANZE ZUCCHERINE (FINO AD OGGI CARTACEA) E' STATA DEMATERIALIZZATA.

LA COMPETENZA E' STATA ATTRIBUITA ALLA ASL. "NON PIU' DEL SUAP"

E' necessaria la registrazione sul portale della ASL Lanciano Vasto Chieti per l'espletamnteo della procedura.

Di seguito tutti riferiemnti nomrativi.

Il Ministro delle politiche agricole
alimentari e forestali
Prot. n. 11 dell’ 8 gennaio 2015
Disposizioni relative alla dematerializzazione del registro di carico e scarico delle
sostanze zuccherine ai sensi dell’articolo 1-bis, comma 8, del decreto-legge 24
giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116.
Vista la legge 20 febbraio 2006, n. 82, recante disposizioni di attuazione della
normativa comunitaria concernente l’Organizzazione comune di mercato (OCM) del
vino, ed in particolare, l’articolo 28, relativo ai registri per i produttori, gli importatori
ed i grossisti di saccarosio, glucosio e isoglucosio;
Vista la direttiva 2001/111/CE relativa a determinati tipi di zucchero destinati
all'alimentazione umana;
Visto il decreto legislativo 20 febbraio 2004, n. 51, recante l’attuazione della
direttiva 2001/111/CE relativa a determinati tipi di zucchero destinati all'alimentazione
umana;
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e successive modifiche ed
integrazioni, recante il Codice dell’amministrazione digitale;
Visto il Regolamento (CE) n. 436/2009 della Commissione del 26 maggio 2009
recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio in
ordine allo schedario viticolo, alle dichiarazioni obbligatorie e alle informazioni per il
controllo del mercato, ai documenti che scortano il trasporto dei prodotti e alla tenuta
dei registri nel settore vitivinicolo;
Visto il Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio
del 17 dicembre 2013 recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e
che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE)
n. 1234/2007 del Consiglio;
Visto il Regolamento (UE) n. 861/2010 della Commissione, del 5 ottobre 2010,
recante modifica dell’allegato I del regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio
relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune ;
Visto l’articolo 1-bis, comma 8, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91,
convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, che prevede la
dematerializzazione del registro di carico e scarico di cui all'articolo 28, comma 1, della
legge 20 febbraio 2006, n. 82;
Considerato che l’articolo 1-bis, comma 10 del decreto-legge 24 giugno 2014, n.
91, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, prevede che
all'attuazione delle disposizioni di cui al comma 8 del medesimo articolo si provvede
con decreto di natura non regolamentare del Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali;
Il Ministro delle politiche agricole
alimentari e forestali
Rilevata la necessità di assicurare una tempestiva attuazione delle disposizioni di
cui al citato articolo 1-bis, comma 8, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91,
convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116,
DECRETA
Articolo 1
(Definizioni)
Ai fini del presente decreto, si intendono per:
a) “SIAN”: il Sistema informativo agricolo nazionale;
b) “sostanze zuccherine”: le sostanze zuccherine indicate all’articolo 28 della legge
20 febbraio 2006, n. 82 quali, saccarosio, escluso lo zucchero a velo, glucosio e
isoglucosio, anche in soluzione;
c) “registro di carico e scarico delle sostanze zuccherine”: il registro di cui
all'articolo 28 della legge 20 febbraio 2006, n. 82;
d) “registro dematerializzato”: il registro di carico e scarico delle sostanze
zuccherine tenuto in forma telematica;
e) “operatori”: i produttori, gli importatori, i grossisti e gli utilizzatori obbligati alla
tenuta del registro di carico e scarico delle sostanze zuccherine.
Articolo 2
(Campo d’applicazione)
1. Il presente decreto fornisce le prescrizioni cui devono attenersi gli operatori per
adempiere gli obblighi di cui all'articolo 28 della legge 20 febbraio 2006, n. 82,
attraverso il registro dematerializzato.
Art. 3
(Registro dematerializzato)
1. Il registro dematerializzato è realizzato nell’ambito del SIAN ed è disponibile
dal 1° marzo 2015.
2. Gli operatori si iscrivono al SIAN secondo le modalità descritte nell’allegato 1.
Il Ministro delle politiche agricole
alimentari e forestali
3. Le modalità per la tenuta del registro dematerializzato sono indicate nell’allegato
2.
4. Con decreto del Capo del Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della
qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari possono essere
modificati o sostituiti gli allegati al presente decreto.
Art. 4
(Connettività)
1. Gli accordi di servizio per la cooperazione delle banche dati del registro
dematerializzato tra le aziende, gli Organismi di Controllo e le altre
Amministrazioni pubbliche sono definiti in un documento tecnico adottato con
determinazione del Capo del Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela
della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari.
Art. 5
(Trattamento e sicurezza dei dati)
1. Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali è il titolare del
trattamento dei dati conservati nel registro dematerializzato ai sensi di quanto
previsto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e ne assicura la gestione
tecnica e informatica.
2. L'utilizzo dei dati e delle informazioni avviene nel rispetto dei principi vigenti in
materia di trattamento dei dati, di cui al citato decreto legislativo n. 196 del
2003, nel rispetto delle regole tecniche e di sicurezza di cui all'articolo 71,
comma 1-bis, del Codice dell’amministrazione digitale di cui al decreto
legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e nell'ambito della cornice tecnico-normativa del
Sistema pubblico di connettività di cui al Capo VIII del medesimo Codice
dell’amministrazione digitale .
3. Al fine dell'applicazione delle disposizioni sulle misure di sicurezza, in
conformità all'articolo 31 del citato decreto legislativo n. 196 del 2003, il
Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, adotta tutte le misure atte
a ridurre al minimo i rischi di distruzione o perdita anche accidentali dei dati
stessi, di accesso non autorizzato, di trattamento non consentito o non conforme
alle finalità della raccolta.
Art. 6
(Disposizioni transitorie e finali)
1. Fino al 30 giugno 2015 il registro di carico e scarico delle sostanze zuccherine
può essere tenuto sia con modalità telematiche che in formato cartaceo.
Il Ministro delle politiche agricole
alimentari e forestali
2. A decorrere dal 1° luglio 2015 registro di carico e scarico delle sostanze
zuccherine è tenuto esclusivamente con modalità telematiche.
3. Per le violazioni relative alla tenuta del registro dematerializzato, ove ne
ricorrano le condizioni, si applica la diffida di cui all’articolo 1, comma 3, del
decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge
11 agosto 2014, n. 116.
4. Per le violazioni relative alla tenuta del registro dematerializzato continuano ad
applicarsi le sanzioni previste dagli art. 35, commi 14, lettere a), b) e c) e 15,
della legge 20 febbraio 2006, n. 82
5. Per le violazioni relative alla tenuta del registro dematerializzato conseguenti al
malfunzionamento del sistema telematico, attestato dal SIAN, è esclusa la
responsabilità dell’operatore in quanto l’errore non è determinato da sua colpa.
Il presente decreto è pubblicato sul sito internet del Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali ed entra in vigore dalla data di pubblicazione.
Roma 8 gennaio 2015
IL MINISTRO
Maurizio Martina

 

ALLEGATO 1
(art. 3, comma 2)
ISCRIZIONE E ACCESSO AL SIAN
Iscrizione al SIAN
Per trasmettere i dati al SIAN ciascun soggetto obbligato è tenuto ad iscriversi al portale di accesso
ai servizi del Mipaaf (http://mipaaf.sian.it).
La procedura semplificata di ISCRIZIONE richiede indicazione del codice fiscale (del titolare nel
caso di imprese individuali oppure del Rappresentante legale per soggetti giuridici) e di un indirizzo
di posta elettronica a cui saranno inviate le diverse comunicazioni.
La richiesta di iscrizione verrà quindi sottoposta ad un processo di verifica e approvazione a
conclusione del quale sarà inviato un codice PIN (Personal Identification Number) necessario per
poter effettuare la successiva REGISTRAZIONE che consentirà di ricevere le credenziali personali
per accedere all’area riservata (ovvero la password per il primo accesso mentre la username è il
codice fiscale).
Nella home page del portale http://mipaaf.sian.it sono riportate le modalità da seguire per la
richiesta di REGISTRAZIONE UTENTE nonché i requisiti minimi della postazione di lavoro.
Operatori già iscritti al SIAN
Gli operatori già in possesso delle credenziali di accesso al SIAN non devono effettuare una nuova
iscrizione. Qualora abbiano smarrito la password possono richiederne una nuova attivando
l’apposita funzione presente nella pagina di accesso all’area riservata, la nuova password verrà
inviata via email all’indirizzo di posta elettronica indicato in fase di iscrizione
Utilizzo della CNS
E’ possibile accedere alla piattaforma informatica SIAN anche utilizzando una CNS – Carta
Nazionale dei Servizi con certificato di autenticazione rilasciato da uno dei soggetti iscritti
nell'elenco pubblico dei certificatori (http://www.digitpa.gov.it/firma-digitale/certificatoriaccreditati).
Prima di effettuare l'accesso l'utente dovrà avere preventivamente installato il lettore di smart card
o inserito il token USB, installato e configurato il software di firma secondo le indicazioni fornite
dal Certificatore da cui ha acquistato il kit.
L'accesso con CNS è rapido e non richiede inserimento di credenziali.
Accesso al servizio
Una volta in possesso delle credenziali di accesso al SIAN (nome utente che coincide con il codice
fiscale e password ricevuta a completamento della registrazione) per accedere al servizio di
interesse occorre selezionare, nella homepage del portale http://mipaaf.sian.it la voce ACCESSO
ALL’AREA RISERVATA, inserire le proprie credenziali, e successivamente selezionare in
sequenza AGROALIMENTARE e successivamente la voce REGISTRI > REGISTRO SOSTANZE
ZUCCHERINE.

 

13 Mag 2015

Erika, orgoglio di San Giovanni Teatino (video)

 

Studentessa del Galilei premiata al Salone del Libro di Torino

Erika Di Giulio, 14 anni il prossimo 19 giugno, sarà premiata a Torino, venerdì 15 maggio alle ore 10, nel prestigioso contesto del Salone del Libro

L'alunna, che frequenta la classe 3^ B della scuola secondaria di primo grado dell'istituto Comprensivo di San Giovanni Teatino, è la vincitrice del 2° premio al concorso nazionale "La Storia della Grande Guerra riletta dai giovani di oggi - Mai più trincee" indetto dal Ministero della difesa in collaborazione con il MIUR.

Erika è stata seguita dalla professoressa Rosella Bosi che, nell'ambito della sua attività curricolare di storia, ha saputo coinvolgere la classe in momenti di studio, riflessione e rielaborazione che si sono conclusi con temi sulla grande guerra. Tre elaborati sono stati presentati al concorso. Quello di Erika ha superato una prima grande selezione ad inizio anno, fino alla comunicazione, la scorsa settimana, dell'invito alla cerimonia di premiazione per la consegna del 2° premio, ad Erika Di Giulio, da parte del ministro della difesa senatrice Roberta Pinotti.

Felicissima Erika: "Risultare seconda tra i 500 temi selezionati in tutta Italia è un grande orgoglio, soprattutto perchè era un tema che mi ha molto coinvolto emotivamente. Devo dire grazie alla professoressa Rosella Bosi, che è riuscita a farmi capire e 'sentire' la sofferenza che hanno provato tanti giovani non solo nella prima guerra mondiale. Capisco quanto io sia fortunata e vorrei che tanti giovani come me, amici, coetanei, percepissero la mia stessa sensazione".

Il preside Alfredo Schiazza la descrive come "uno stimolo ed esempio da imitare, perchè non sono importanti solo l'attività ed il risultati.  La scuola in toto è orgogliosa per questo premio che rappresenta il riconoscimento di tutta l'attività che al Galilei, corpo docente e alunni, quotidianamente svolgono con interesse e partecipazione".

Nei giorni scorsi sono arrivati i complimenti del sindaco Luciano Marinucci che, appresa la notizia dal preside Schiazza ha dichiarato: "Per la comunità di San Giovanni Teatino Erika è motivo di forte orgoglio e soddisfazione. Una ragazza che dimostra grande sensibilità oltre che preparazione. Aspetto il suo ritorno da Torino per festeggiare con lei l'importante premio".

13 Mag 2015

Parte il progetto #stradesicure del Comune di San Giovanni Teatino

 

Si chiama Strade Sicure San Giovanni Teatino ed è il progetto dedicato ai temi della sicurezza stradale, avviato dal Comune di San Giovanni Teatino, grazie al finanziamento ottenuto nell’ambito di un bando regionale riferito al piano nazionale della sicurezza stradale.

 

Il progetto prevede la realizzazione di opere infrastrutturali per il miglioramento della viabilità - in particolare la realizzazione di una pista ciclo pedonale che collega il centro di Sambuceto, gli impianti sportivi della cittadella dello Sport e la zona di Dragonara - e di una campagna informativa e formativa di sensibilizzazione con il preciso obiettivo di contribuire ad abbattere il numero di incidenti che si verificano sulle strade.

 

Nei giorni scorsi, il Comune ha dato avvio alla fase preliminare di ricognizione e studio che si è concretizzata nell’organizzazione di due focus group, guidati dagli esperti di Territorio Sociale che è partner del progetto. I focus sono stati dedicati ai cittadini - con l’intervento di genitori, insegnanti, dirigenti scolastici, proprietari di esercizi commerciali e strutture ricettive che ne hanno fatto richiesta - e agli amministratori comunali. L’obiettivo è stato quello di individuare percezioni e idee sullo stato di mobilità nel territorio comunale, con particolare attenzione ai problemi del traffico e agli standard di sicurezza. Parallelamente si sta procedendo a un coinvolgimento più ampio della popolazione, raccogliendo informazioni e proposte di miglioramento attraverso un sondaggio on-line a cui tutti i residenti, i domiciliati e coloro che operano a vario titolo nel territorio comunale possono rispondere per dare il loro contributo. Si può rispondere fino al prossimo 20 maggio. Il link a cui accedere per il sondaggio è:

 

https://docs.google.com/forms/d/1IcGv1jMw85Gmo_Z46v0leyF-tNf34ZwmIzjv6re-TAM/viewform.

 

Per richieste di supporto tecnico alla compilazione del questionario, si può contattare il partner scientifico Territorio Sociale (Nicola Trinchini: 388/1791715 -   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ). Sarà possibile accedere al questionario anche mediante il sito istituzionale del Comune di San Giovanni Teatino e la pagina Facebook.  Tutti i dati raccolti – ha spiegato il sindaco, Luciano Marinuccisaranno per noi di grande utilità: ci aiuteranno a integrare e a costruire una visione di insieme rispetto alla percezione locale sulle tematiche della sicurezza stradale e della mobilità e, soprattutto, rispetto alle prospettive per il miglioramento delle condizioni di viabilità e di sicurezza del nostro territorio nel breve e medio periodo”.

 

Lo studio sarà pronto entro la fine del mese di maggio e costituirà una leva informativa utile alla definizione dei criteri di realizzazione di una pista ciclabile, in particolare rispetto al suo utilizzo e all’evoluzione dei sistemi di sicurezza a essa connessi.

 

“Grazie allo studio, inoltre – ha concluso il primo cittadino – individueremo il possibile sviluppo di un sistema informativo e di monitoraggio sulle nostre strade e costruiremo un osservatorio ad hoc, una sorta di modello permanente sulla sicurezza con l’obiettivo di rendere San Giovanni sempre più sana e vivibile”.  

 

12 Mag 2015

Mercatone Uno. L'amministrazione Marinucci sta con i lavoratori

Il Comune di San Giovanni Teatino con i lavoratori del Mercatone Uno 

La Giunta Comunale nella riunione dello scorso mercoledì 6 maggio ha votato all'unanimità la delibera avente ad oggetto "Ordine del giorno in merito all'amministrazione straordinaria dell'azienda il Mercatone Uno e ipotetica chiusura di alcuni punti vendita", aderendo alla richiesta del Comune di Reana del Rojale che l'ha adottata lo scorso 21 aprile.

Come altri comuni che ospitano i punti vendita del Mercatone Uno, anche San Giovanni Teatino ha deciso

·         di collaborare con le istituzioni superiori, tra le quali le Regioni in primis sul cui territorio insistono punti vendita , a farsi parte attiva presso il Ministero del Lavoro e delle Attività Produttive e il Ministero dello Sviluppo Economico, per verificare la fattibilità di ogni altra soluzione imprenditoriale alternativa alla chiusura dei punti vendita;

·         nell'ipotesi di chiusura di alcune sedi locali o di riduzioni del personale, di stimolare le le autorità competenti ad ogni forma di concertazione volta alla concessione al personale dipendente,0 rimasto privo di lavoro, degli ammortizzatori sociali nella misura più estesa possibile.

Il sindaco Luciano Marinucci ricorda che "nel nostro territorio il punto vendita del Mercatone Uno è presente dal oltre 15 anni, soddisfacendo le esigenze lavorative di molti nostri cittadini. La chiusura comporterebbe un pregiudizio dell'equilibrio economico sociale, così come in altre comunità del territorio nazionale, a partire da Pineto e Val Vibrata. Il nostro obiettivo è costituire un fronte comune di solidarietà tra tutte le amministrazioni coinvolte nei confronti di tutti, indistintamente, i dipendenti dell'azienda Mercatone Uno e delle loro famiglie"

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità dei nostri siti. Maggiori informazioni privacy policy.

Accetto l'utilizzo di cookies.