Comunicati

Comunicati (1174)

31 Dic 2015

Auguri del Sindaco

 

Cari concittadini,

 

il nuovo anno è alle porte ed è tempo di bilanci, affinché si accolga il nuovo anno con fiducia, grandi aspettative e con la certezza di "saper fare" a beneficio della nostra comunità. 

In questo anno il coraggio non è mancato: abbiamo portato avanti scelte di riforma e cambiamento, siamo andati avanti con forza e coraggio, nel rispetto di tutti e dei valori di buon governo che sento di rappresentare, fronteggiando le difficoltà, che pur ci sono, nel miglior modo possibile. 

Noi sentiamo di voler guardare al futuro con un ragionevole ottimismo che si fonda sulla nostra visione non improvvisata dell'amministrare, crescendo e mantenendo tutti i servizi che hanno reso San Giovanni Teatino un punto di riferimento dell’intera area metropolitana.

Non solo, in un momento innegabilmente delicato in cui, intorno a noi, tutti i Comuni vivono grandi difficoltà- si pensi al Comune di Pescara in fase di pre- dissesto- la nostra Amministrazione punta all'efficienza rimodulando i propri servizi senza sprechi e senza che ciò abbia un impatto devastante sull'occupazione.

Come sapete, è infatti partito il processo di riforma delle società partecipate, così come deliberato in consiglio comunale lo scorso 20 dicembre. Inoltre, sono stati depositati i diversi progetti che caratterizzeranno ulteriormente la nostra azione: il nuovo parco cittadino che prenderà il posto del vecchio stadio, la pista ciclabile che dalla piazza municipio arriverà fino a Dragonara, la nuova Via Roma e tanti progetti che andranno a riqualificare il tessuto cittadino dando nuovo respiro all’economia locale.

Porteremo avanti le battaglie che riteniamo sacrosante e su cui tutta la comunità deve restare coesa e propositiva. 

Punteremo ancora sul sociale, in collaborazione con le associazioni del territorio, per dare respiro alle famiglie più bisognose e in piena continuità con lo spirito solidale che ci caratterizza. La situazione è difficile e una comunità non può lasciare solo chi resta indietro: come Sindaco, sono fiero di poter registrare l’impegno di tanti concittadini uniti nella condivisione di spazi e volontà per crescere tutti insieme.

Il mio auspicio per il 2015 è, quindi, di continuare a lavorare per e con la mia comunità, rinnovando, ogni giorno, un dialogo con il territorio e con tutti coloro che hanno a cuore San Giovanni Teatino. 

Da parte mia, rinnovo il mio impegno e quello di tutta la mia squadra, garantendo passione, lucidità e dedizione per una crescita continua sempre al vostro fianco.

 

 

Tanti auguri,

 

Luciano

 

29 Dic 2015

Rimborso delle spese di acquisto dei libri di testo per l'anno scolastico 2014/2015

 

L’Amministrazione Comunale attua l’intervento di cui alla legge 448/1998 relativa alla fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo.

 

L’intervento si esplica mediante il rimborso delle spese di acquisto dei libri di testo delle scuole medie e superiori.

 

Possono accedere al beneficio gli alunni residenti nel Comune di San Giovani Teatino frequentanti la scuola media inferiore e superiore appartenenti allo stesso nucleo familiare - come definito dall’art. 4 del D.P.R. 30 maggio 1989 n. 223 – con situazione reddituale risultante dalla dichiarazione unica relativa all’Indicatore Situazione Economica Equivalente (ISEE) – non superiore a € 10.632,94, calcolato sulla base della dichiarazione dei redditi 2014 - periodo d’imposta 2013;

Le domande dovranno essere presentate all’Ufficio protocollo dell’Ente entro il termine perentorio del 30 gennaio 2015. Non verranno pertanto prese in considerazione le domande pervenute oltre la data fissata.

 

 

29 Dic 2015

Piano neve, si è tenuto il tavolo tecnico

 

DSC05883

Il sindaco di San Giovanni Teatino Luciano Marinucci ha convocato alle 16 (di oggi 30 dicembre 2014) un tavolo tecnico per monitorare la situazione neve. Presenti la Protezione Civile, la Croce Rossa, la Polizia Municipale. L'assemblea è stata inoltre aperta anche ai responsabili dei gruppi Facebook dedicati a San Giovanni Teatino più utilizzati (Pierluigi Di Sabatino e Vittorino Marcantonio) per segnalare i problemi più significativi (donne incinte bloccate in casa, blackout elettrici, auto bloccate in situazioni di pericolo, rami rotti sulle strade).

Il vertice in municipio ha comunque registrato il sostanziale funzionamento del piano neve predisposto dalla macchina amministrativa, che è pronta ad affrontare anche un eventuale stato di emergenza nelle prossime ore in caso di precipitazioni abbondanti. “I problemi più significativi nascono dopo le nevicate” ha ricordato il sindaco Marinucci “quando sulle strade si forma il ghiaccio”. Il magazzino dell’ente è già stato rifornito del sale da spargere sulle strade, e per la giornata di oggi la viabilità è stata regolare, con semplici rallentamenti sulle arterie principali.

Intanto il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale ha comunicato che le condizioni meteo avverse iniziate nelle prime ore di oggi perdureranno per le successive 36-48 ore. In caso di necessità si può contattare la polizia municipale al numero 085.4461583: la telefonata verrà trasferita al vigile disponibile di turno.

Coordinatrice del Centro Operativo Comunale per l'emergenza è Assunta Di Tullio: "In queste ore si è provveduto allo sgombero neve nella parte alta del territorio di San Giovanni Teatino, fortunatamente le scuole sono chiuse quindi abbiamo avuto del lavoro in meno da fare, e abbiamo segnalato sul sito istituzionale una serie di regole da seguire per i cittadini privati". Il Piano neve predisposto dal Comune, per funzionare a dovere nel contenimento dei disagi e nella garanzia di sicurezza della circolazione, richiede anche la collaborazione dei cittadini. E' opportuno che tutti i proprietari, amministratori e affittuari di case, negozi o uffici, allo scopo di tutelare l’incolumità delle persone, si adoperino a: sgomberare dalla neve e dal ghiaccio i tratti di marciapiede e i passaggi pedonali che si affacciano all’ingresso degli edifici e successivamente spargere sale (in proporzione 1 chilogrammo per 20 metri quadrati di superficie); rimuovere i ghiacci che si formano sulle gronde, sui balconi o su altre sporgenze; rimuovere la neve dalle piante che sporgono su aree di pubblico passaggio; ammassare la neve ai margini dei marciapiedi; rimuovere le automobili che potrebbero intralciare l’azione degli spazzaneve lungo le strade.

"E' importante ricordare l'obbligo nazionale ad utilizzare gomme termiche o catene in caso di neve" ha aggiunto il vice sindaco Giorgio Di Clemente. "Bisogna evitare di avventurarsi in automobile o di lasciare il proprio mezzo dove può essere di intralcio al passaggio degli spazzaneve". Il Comune dispone di un proprio mezzo spalaneve pronto per intervenire sulle strade comunali già in caso di nevicate moderate. Sono state inoltre individuate alcune ditte esterne che, nel caso le precipitazioni nevose dovessero intensificarsi, interverranno per garantire la pulizia delle strade. Il Piano Neve per la stagione 2014-2015 tiene conto, in particolare, delle indicazioni fornite nel corso dell’incontro che si è tenuto lo scorso 19 novembre presso la Prefettura di Chieti, dove si è riunito il Comitato operativo provinciale per la Viabilità per affrontare le modalità di gestione delle emergenze in caso di neve e ghiaccio.

IL PIANO NEVE

Come ogni anno, questo comune ha predisposto il Piano Neve per la stagione 2014-2015 tenendo conto, in particolare, delle indicazioni fornite nel corso dell’incontro che si è tenuto lo scorso 19 novembre presso la Prefettura di Chieti, dove si è riunito il Comitato operativo provinciale per la Viabilità per affrontare le modalità di gestione delle emergenze in caso di neve e ghiaccio.

Il Comune dispone di un proprio mezzo spalaneve pronto per intervenire sulle strade comunali già in caso di nevicate moderate. Sono state inoltre individuate alcune ditte esterne che, nel caso le precipitazioni nevose dovessero intensificarsi, interverranno per garantire la pulizia delle strade.

Il Comune inoltre dispone di una scorta di sale antigelo da utilizzare per prevenire le gelate notturne.

Tutto il personale tecnico dell’Ente è in allerta ed è pronto ad intervenire e attivare le azioni necessarie per garantire lo sgombero della neve dalle strade comunali, riservando la priorità a quelle principali, cavalcavia e sottopassi, per garantire l’accesso alle scuole e agli uffici pubblici comunali e alle strutture sanitarie presenti sul territorio.

Presso la sede del comune si riunisce il Centro Operativo Comunale per la gestione degli eventi straordinari.

Il Piano neve predisposto dal Comune, per funzionare a dovere nel contenimento dei disagi e nella garanzia di sicurezza della circolazione, richiede anche la collaborazione dei cittadini.

In caso di nevicata, è opportuno che tutti i proprietari, amministratori e affittuari di case, negozi o uffici, allo scopo di tutelare l’incolumità delle persone, si adoperino mettendo in atto le seguenti indicazioni:


- sgomberare dalla neve e dal ghiaccio i tratti di marciapiede e i passaggi pedonali che si affacciano all’ingresso degli edifici e successivamente spargere sale (in proporzione 1 chilogrammo per 20 metri quadrati di superficie);

- rimuovere i ghiacci che si formano sulle gronde, sui balconi o su altre sporgenze;

- rimuovere la neve dalle piante che sporgono su aree di pubblico passaggio;

- la neve deve essere ammassata ai margini dei marciapiedi;

- rimuovere le automobili che potrebbero intralciare l’azione degli spazzaneve lungo le strade.

Per l’incolumità propria e delle altre persone, in caso di precipitazioni a carattere nevoso, è consigliabile controllare per tempo lo stato dei pneumatici, ridurre all’essenziale gli spostamenti e optare preferibilmente per i mezzi pubblici, non abbandonare l’auto in condizioni che impediscano la circolazione di altri veicoli e mezzi di soccorso e, possibilmente, parcheggiarla in aree private, garage o cortili.

 E’ consigliabile evitare l’utilizzo di ciclomotori e biciclette.

 E ancora, è preferibile indossare abiti e calzature idonee per gli spostamenti a piedi, evitare di camminare nelle vicinanze di alberi e fare attenzione, in fase di disgelo, a eventuali blocchi di neve che si staccano dai tetti.

24 Dic 2014

Il percorso verso SGT Multiservizi

Il dato di partenza è che consiglio comunale ha approvato nella seduta del 22 dicembre la riforma del sistema delle società partecipate del nostro comune. Lo scioglimento della FB Servizi, il cui contratto di concessione prevedeva già una scadenza fissata per il prossimo 31 dicembre 2014, porterà alla costituzione di un’unica società, la SGT Multiservizi srl, interamente partecipata dal Comune. SGT Multiservizi svolgerà tutti i servizi attualmente gestiti da FB Servizi e FB Tributi, e al suo interno confluiranno i dipendenti attualmente impiegati nelle due società esistenti: lo statuto della nuova società andrà a rimuovere le criticità insite negli affidamenti dei servizi alle società partecipate oggi presenti, migliorando il governo sulle partecipazioni e la governance sui servizi pubblici erogati.

 

L'aspetto da sottolineare è che l’amministrazione non vuole rinunciare ai servizi attualmente svolti per mezzo delle sue società e per far questo avvia un processo di trasformazione e riorganizzazione: una riforma non più rinviabile, anche alla luce delle agevolazioni fiscali, degli indirizzi e degli obblighi contenuti nelle recenti norme nazionali, compresa la nuova legge di stabilità appena approvata dal Parlamento.

 

Come è stato ribadito ieri alle associazioni sindacali, l’amministrazione comunale ribadisce e conferma che il mantenimento dei livelli occupazionali, con riferimento al personale direttamente impiegato per la prestazione dei servizi, non è - e non sarà in futuro - in discussione. La programmata liquidazione della FB Servizi si inserisce in un più ampio contesto, che vede coinvolta l’Amministrazione nella individuazione di un soggetto che sia conforme ai dettati normativi in materia di società c.d. “in house” e coerente con le attuali capacità di spesa dell’Ente.

 

La grave crisi finanziaria e la lunga fase di recessione economica ha avuto ad oggi, tra le conseguenze dirette per il comune di San Giovanni Teatino, una riduzione dei trasferimenti statali pari ad oltre 1 milione rispetto a quanto veniva erogato nel 2010.

 

Questo milione di euro, insieme a tutto il gettito IMU che invece di restare nelle casse del comune va direttamente allo Stato, manca nelle nostre casse e crea difficoltà incredibili. Solo il nostro impegno, una ricetta di riforme e tagli alla spesa corrente, ci ha consentito di resistere e riuscire a programmare il futuro dell’ente.

 

La minoranza dimentica sempre tali aspetti, e si chiede rinnovi di nove anni (e oltre) senza aver mai presentato una sola proposta dotata di un visto di regolarità amministrativa e finanziaria.

 

La cittadinanza e i dipendenti non hanno bisogno di false illusioni, ma di atti concreti che assicurino i servizi ed il lavoro a condizioni sostenibili per il nostro comune, grazie a riforme strutturali in grado di garantire un futuro lungo e non un orizzonte limitatissimo.

 

Gli stessi tagli di cui parlano non solo sono ipotetici, ma si accompagnano a attese di ricavi che prevedono innalzamenti di tariffe superiori anche al 400% per le fasce di reddito più basse e riduzioni per quella più alta: dimenticando poi che devono far parte del piano anche investimenti di centinaia di migliaia di euro non più rinviabili. Come sempre si offre una lettura parziale e incompleta funzionale solo ai comunicati stampa.

 

L'amministrazione va avanti nel suo processo riformatore contribuendo in prima persona alla spesa, e al rispetto del patto di stabilità, rinunciando alle indennità di carica e allo staff: il tutto per proiettare l’ente al 2015, anno in cui sarà compiuta la riforma delle società partecipate e avvieremo gli investimenti che porteranno respiro all’economia locale.

 

16 Dic 2014

Il parcheggio della Cittadella dello Sport

E' stato inaugurato domenica mattina, 14 dicembre, il parcheggio della Cittadella dello Sport. Un'opera molto attesa soprattutto perché andrà a risolvere il problema del parcheggio selvaggio nei fine settimana, quando la presenza dei vari enti sportivi rendeva del tutto insufficienti i posti auto presenti nelle vicinanze delle strutture sportive. Soddisfatto il vice sindaco Giorgio Di Clemente: "Considerato che la situazione precedente poteva creare delle situazioni di pericolo per gli automobilisti e i pedoni, abbiamo deciso di anticipare questa apertura anche se l'opera va ancora completata. In particolare l'illuminazione sarà potenziata e vanno sistemati gli ultimi particolari, ma già adesso l'opera è pienamente fruibile".

10 Dic 2014

Il nuovo parco in via Quasimodo

Partono i lavori in via Quasimodo per il nuovo parco. Oggi è iniziata la demolizione degli spalti, affidata all'impresa Diodato srl di San Giovanni Teatino: il cantiere interesserà un'area grande quanto il campo sportivo, dove arriveranno 120 alberi, aree attrezzate per l'esercizio fisico, panchine. La ditta ha vinto l'appalto per un importo contrattuale di € 37.945,01. I materiali di risulta della demolizione saranno riutilizzati per la realizzazione di un percorso vita di 960 metri e del viale principale. Il parco è uno dei progetti destinati a caratterizzare di più l'amministrazione Luciano Marinucci: è stato infatti previsto dove la vecchia Giunta voleva palazzine per 120 appartamenti. "Qui nascerà un parco strappato al cemento, per questo impianteremo un albero al posto di ogni abitazione che si voleva fare. Gli alberi qui andranno anche a compensare quelli che verranno tolti da via Roma per consentire la messa in sicurezza della strada" ricorda Marinucci. Nel 2011 era già pronto il contratto di cessione che avrebbe portato alla nascita del nuovo quartiere residenziale: Marinucci si è rifiutato di firmarlo. "Non abbiamo bisogno di altro cemento, ma di spazi verdi lontani dal traffico e sicuri per i nostri figli e i nostri anziani" prosegue il sindaco. “Abbiamo mantenuto una promessa, chiaramente grazie a tutte la collettività per la quale oggi ogni lavoro pubblico rappresenta un sacrificio”. “E’ veramente un orgoglio essere presente in una giornata che resterà nella storia della nostra comunità” aggiunge il vice sindaco Giorgio Di Clemente. Il cronoprogramma prevede sei lotti: il primo è partito oggi, e si concluderà con l’area del cantiere totalmente ripulita dalle strutture del vecchio campo sportivo. A seguire la realizzazione di una nuova recinzione, parcheggi, marciapiedi, sottoservizi, percorso vita di circa 1 km , piazza d'ingresso e viale centrale di 390 metri , area bambini, aree sportive (tra queste anche aree skateboard e arrampicata). “A gennaio partirà il secondo lotto” conclude il vice sindaco “ci aspettiamo che il cantiere venga chiuso entro l’estate”. Tutta l'area sarà illuminata da una serie di fari.

09 Dic 2014

Come calcolare la TASI e pagare la seconda rata (e tutti i documenti sulla Tari)

Ricordiamo ai cittadini che la seconda rata della TASI (tassa sui servizi indivisibili) va pagata entro il 16 dicembre 2014 e la FbTributi non invierà alcun bollettino per il pagamento poiché, come l'IMU, la legge prevede la dichiarazione del proprietario e l'autoliquidazione tramite F24.

Per calcolare l'importo della TASI si può utilizzare il calcolatore online messo a disposizione dal sito "Amministrazioni Comunali" che si può raggiungere cliccando qui, oppure ci si può rivolgere ai centri di assistenza fiscale.

Il codice tributo da inserire nel modello F24 è 3958, così come deliberato nella risoluzione 146/E dell'Agenzia delle Entrate, in data 24 aprile 2014.

Per la Tari: Fb Tributi considera "effettuati per tempo" (quindi senza l'aggiunta di more o interessi) anche i versamenti eseguiti entro e non oltre il 9 dicembre 2014, anche se la scadenza di pagamento del saldo Tari è al 30 novembre 2014.

 

 

05 Dic 2014

Scuole Sicure, il sindaco Luciano Marinucci sui soldi che non arrivano

"I fondi promessi per l'edilizia scolastica devono arrivare". Ha le idee chiare il sindaco di San Giovanni Teatino Luciano Marinucci che dall'operazione Scuole Sicure, lanciata da Renzi subito dopo la formazione del nuovo governo, aveva ottenuto la promessa di un finanziamento per oltre un milione di euro. Soldi già spesi per la sistemazione del plesso scolastico di Largo Wojtyla a Sambuceto: la prima tranche di lavori ha riguardato solo la scuola media, con il consolidamento delle strutture portanti dell'edificio, ma la ristrutturazione continuerà nei prossimi mesi, per concludersi a luglio 2015, senza in ogni caso interferire in alcun modo con le attività didattiche. Sono opere di miglioramento antisismico con inserimento - tra l'altro - di elementi strutturali rigidi, successivo alla demolizione delle tamponature esistenti. La promessa del governo al momento è rimasta una promessa: ieri (giovedì 4 dicembre 2014) la mobilitazione nazionale dei sindaci, che si trovati davanti a Palazzo Chigi. L'amministrazione di San Giovanni Teatino ha cercato rassicurazioni attraverso contatti telefonici con il Ministero ma le notizie non sono buone. "Ci hanno detto che arriveranno meno di 500 mila euro, ne erano previsti 1.310.000 euro" chiarisce il sindaco "e non siamo riusciti a capire neppure se li potremo utilizzare per rispettare il patto di stabilità. C'è il rischio di far saltare i conti dell'Ente e far fallire la ditta che ha effettuato i lavori, il tutto per una falsa promessa dello Stato. E' incredibile." La tesoreria di Stato, infatti, sta per chiudere e i bilanci di centinaia di Comuni sono a rischio. La mobilitazione è partita dal sindaco di Appignano del Tronto Nazzarena Agostini. “Come ricorderete – ha scritto Agostini rivolgendosi ai sindaci dei comuni d’Italia – vi ho inviato, il 30 luglio scorso, una lettera di denuncia per segnalare la volontà, da parte del Miur, di finanziare esclusivamente l’importo contrattuale (iva esclusa) riferito ai soli lavori. A seguito della nostra azione di protesta, sono stata contattata personalmente sia dall’allora sottosegretario Reggi, che dalla dirigente del Miur Montesarchio, rassicurandomi parzialmente sull’entità del finanziamento e sui relativi tempi di erogazione, che sarebbero stati brevi. Abbiamo atteso fino ad oggi – prosegue – perché la dottoressa Landolo ci aveva telefonicamente assicurato che l’erogazione sarebbe avvenuta prima della chiusura della tesoreria di Stato, prevista per il 5 dicembre. Il tempo è tiranno, ma non sono riuscita a parlare né con la dottoressa Landolo né con la dirigente Montesarchio, perennemente in riunione”.

05 Dic 2014

Le lettere del Sindaco inviate a Regione, Aca e Ato

In allegato i documenti in pdf.

Il Comune di San Giovanni Teatino scrive alla Regione Abruzzo per chiedere un confronto sulla gestione dei servizi idrici e nel frattempo chiede all'Aca una dilazione dei pagamenti e un rinvio al 31 dicembre delle scadenze (le bollette, infatti, andavano pagate entro il 15 novembre). Scrive il sindaco Luciano Marinucci all'amministratore unico di Aca Vincenzo Di Baldassarre: "Come Lei ha potuto constatare nell'assemblea pubblica dello scorso giovedì 13 novembre, la popolazione già colpita dalla grave crisi economica nazionale soffre un pesante disagio tanto per il pagamento degli importi accumulati che per la possibilità ridotta di dilazionamento in soli 6 mesi di consumi accumulati in più di un anno. Tutto ciò è aggravato dall'applicazione delle nuove tariffe che in alcuni casi hanno più che raddoppiato gli importi fino ad ora pagati". 

L'amministrazione comunale intanto valuterà la possibilità di lasciare la gestione Aca. "Com'è noto" si legge nella nota indirizzata al presidente della Regione Luciano D'Alfonso, ad Aca e Ato "il Comune di San Giovanni Teatino, a seguito della scadenza in data 31 dicembre 2012 della convenzione per la gestione del servizio idrico integrato con la società Enel Rete Gas, ha trasferito, in ottemperata della legge 9/2011, la gestione del SII alla società ACA spa". Prosegue il sindaco Marinucci: "A seguito di un'assemblea pubblica a cui hanno partecipato centinaia di cittadini, è emersa l'univoca volontà di "uscire" dalla società A.C.A. procedendo ad una gestione diversa, attraverso il consorzio con altri Comuni o anche mediante gestione diretta attraverso società in house del Comune di San Giovanni Teatino. Con la presente si chiede un incontro, a cui parteciperanno anche i gruppi consiliari schierati all'unanimità per tale obiettivo, per definire le relative possibilità, modalità e tempistiche".

 

Si ricorda che in seguito alle richieste dell’amministrazione comunale, l’Aca ha inoltre fornito le seguenti indicazioni su tre problematiche:

 

1 - nel passaggio da Enel Gas ad Aca, molte tariffe di utenze residenziali sono state date come non residenziali. L’utente in questa situazione può richiedere l’annullamento della fattura presentando il suo certificato di residenza (oppure un’autocertificazione) e fotocopia del suo documento di identità.

 

2 - altri utenti hanno segnalato di non essere allacciati alla rete fognaria, ma di avere comunque la quota di depurazione nella bolletta: anche in questo caso si tratta di un disguido legato al passaggio da Enel Gas

 

3 – in passato Enel Gas applicava una tariffa unica sia per le utenze domestiche, sia per le utenze commerciali. Nella gestione Aca, invece, esistono 14 diverse tariffe

 

TARIFFE ACA 2014 

TARIFFE UNICHE ACA 2014

03 Dic 2014

Depositato il progetto della pista ciclabile dal Municipio a Dragonara

Arriva a San Giovanni Teatino la prima pista ciclabile: un percorso di circa 4 km che da via D'Azelio, accanto a Piazza Municipio, porterà i ciclisti in piena sicurezza fino alle scuole di Dragonara. Tutto questo grazie a un finanziamento regionale di 600 mila euro, con il 50% a carico del comune (la somma include 30 mila euro per la sicurezza stradale). La realizzazione del progetto, depositato in questi giorni, sarà anche l'occasione per effettuare alcune modifiche all'organizzazione stradale, attualmente rischiosa in alcuni tratti. Si è scelto di lasciare i posti auto, nelle aree a ridosso degli esercizi commerciali, garantendo la sicurezza dei ciclisti. Dopo l’approvazione del progetto definitivo, nel nuovo anno si terrà la gara d’appalto: i lavori partiranno probabilmente entro la primavera 2015. “Oggi San Giovanni Teatino è un comune totalmente privo di piste ciclabili” spiega il sindaco Luciano Marinucci. “E' un'anomalia, considerando che tutta Sambuceto è pianeggiante: uno degli obiettivi fondamentali della mia amministrazione è cambiare rotta e questo primo cantiere rappresenta solo un punto di partenza”. La pista è inizialmente non segnalata per non penalizzare i negozi su via D'Azelio: il percorso vero e proprio parte in via Mazzini per poi toccare via Ricasoli, via Giulio Cesare, Via Vittorio Emanuele e interrompersi alla rotatoria di Dragonara. “In questo punto si proseguirà da pedoni” chiarisce il sindaco “sono state studiate varie soluzioni, ma non c'era una maniera alternativa di garantire la sicurezza”. In via Dragonara la pista continua al centro, integrandosi con la passeggiata già esistente, fino a raggiungere le scuole. Non mancheranno l'inserimento di nuovo verde e di arredi urbani.  “La pista collegherà il centro con Dragonara” aggiunge l’assessore Massimiliano Bronzino “con una deviazione fino alla cittadella dello sport, che ogni settimana viene raggiunta da migliaia di utenti. Questo progetto andrà a creare un anello con una successiva pista ciclabile, la cui realizzazione è prevista a spese di Energia Verde: da Dragonara, i ciclisti potranno proseguire lungo l’asse fluviale e pedalare fino a Pescara”.

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità dei nostri siti. Maggiori informazioni privacy policy.

Accetto l'utilizzo di cookies.