06 Dic 2012

L’asta per la farmacia comunale è andata deserta: il Comune avvia una nuova procedura per la vendita

È trascorso infruttuosamente il termine per la presentazione delle manifestazioni d’interesse per l’asta che avrebbe dovuto mettere in vendita la farmacia comunale: a mezzogiorno di oggi, infatti, non è pervenuta alcuna offerta per la struttura di proprietà pubblica, che aveva un prezzo a base d’asta di 1.680.000 euro.

«Poiché l’asta è andata deserta – ha spiegato il sindaco, Luciano Marinucci – ora avvieremo una nuova procedura, secondo le norme di legge, per provare a vendere un bene comunale che mantiene la sua appetibilità sul mercato e così cercare di centrare in pieno il rispetto del Patto di Stabilità che ci stringe in maniera iniqua. È davvero una corsa ad ostacoli, quella che stiamo vivendo, insieme agli altri Comuni d’Italia, a causa di regole di bilancio che continuamente cambiano, vincoli e tagli che di mese in mese il Governo centrale ci ha imposto e l’ultima manovra sui trasferimenti statali che data non più di un mese fa: come è possibile fare una seria programmazione di bilancio per il rispetto del Patto di Stabilità se da Roma continuano a cambiare le carte in tavola?

Non ci perdiamo d’animo e continuiamo a lavorare per rispettare i vincoli europei. Tuttavia, l’asta andata deserta smentisce clamorosamente tutti coloro che, per interessi politici e per amor di polemica, avevano affermato che la farmacia comunale avesse un valore smisurato e che la stessimo svendendo: come si vede, il mercato la pensa diversamente, ma questo non significa che il Comune la venderà ad un prezzo che noi non riterremo congruo».

Read 3391 times
Rate this item
(0 votes)

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità dei nostri siti. Maggiori informazioni privacy policy.

Accetto l'utilizzo di cookies.