26 Feb 2017

Rottamazione cartelle

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE INGIUNZIONI DI PAGAMENTO

 (art. 6-ter del dl 22 ottobre 2016, conv. in legge 1 dicembre 2016, n.225)

Recependo il Decreto Legge n. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016, il Comune di San Giovanni Teatino con delibera n. 3 del 31/01/2017, ha adottato il regolamento che consente ai contribuenti di aderire alla definizione agevolata (cosiddetta Rottamazione) delle ingiunzioni di pagamento notificate nel periodo dal 01/01/2000 al 31/12/2016 al fine di evitare il pagamento delle sanzioni. Il Regolamento è pubblicato nella Sezione Amministrazione Trasparente del Comune raggiungile al seguente link: http://www.halleyweb.com/c069081/zf/index.php/atti-generali

I contribuenti possono pertanto estinguere i propri debiti attraverso il pagamento dell'importo residuo al netto delle sanzioni e, per le multe al Codice della Strada, al netto della sola maggiorazione.
Per poter accedere a tale beneficio occorre trasmettere  al Comune, alla Società S.G.T. Multiservizi s.r.l. (a seconda del soggetto che ha notificato l’ingiunzione di pagamento), un'istanza di adesione, scaricabile in allegato, secondo le modalità previste nel Regolamento deliberato dal Comune.

 

Pubblicato in Servizio Tributi
09 Dic 2014

Come calcolare la TASI e pagare la seconda rata (e tutti i documenti sulla Tari)

Ricordiamo ai cittadini che la seconda rata della TASI (tassa sui servizi indivisibili) va pagata entro il 16 dicembre 2014 e la FbTributi non invierà alcun bollettino per il pagamento poiché, come l'IMU, la legge prevede la dichiarazione del proprietario e l'autoliquidazione tramite F24.

Per calcolare l'importo della TASI si può utilizzare il calcolatore online messo a disposizione dal sito "Amministrazioni Comunali" che si può raggiungere cliccando qui, oppure ci si può rivolgere ai centri di assistenza fiscale.

Il codice tributo da inserire nel modello F24 è 3958, così come deliberato nella risoluzione 146/E dell'Agenzia delle Entrate, in data 24 aprile 2014.

Per la Tari: Fb Tributi considera "effettuati per tempo" (quindi senza l'aggiunta di more o interessi) anche i versamenti eseguiti entro e non oltre il 9 dicembre 2014, anche se la scadenza di pagamento del saldo Tari è al 30 novembre 2014.

 

 

Pubblicato in Comunicati
20 Nov 2014

Saldo Tari

Scandenze cadenzate per agevolare il pagamento delle tasse: è la scelta amministrativa del Comune di San Giovanni Teatino che il consigliere Rosario Cicellini rivendica. "A differenza di quanto accaduto in altri Comuni" chiarisce il consigliere "siamo riusciti a diluire le scadenze della Tari, che i cittadini pagano in tre rate, maggio, settembre e il saldo a novembre". In altre realtà, ad esempio Pescara, la concomitanza delle scadenze tra Tari e Irpef ha portato al cumulo degli importi, con i disagi in questi giorni al centro delle cronache. "Fb Tributi ha inviato una lettera ai cittadini per spiegare come pagare" aggiunge Cicellini "dato che per ragioni di sicurezza non è più possibile pagare alla Fb Tributi: ci si può rivolgere però in banca o in uno sportello postale ed effettuare il servizio gratuitamente, senza costi per il versamento". Inoltre Fb Tributi considera "effettuati per tempo" (quindi senza l'aggiunta di more o interessi) anche i versamenti eseguiti entro e non oltre il 9 dicembre 2014, anche se la scadenza di pagamento del saldo Tari è al 30 novembre 2014.

Pubblicato in Comunicati
17 Ott 2014

Promemoria su Tasi, Imu e Tari

PROMEMORIA DELLE SCADENZE

In allegato le agevolazioni: quelle relative alla Tasi saranno effettive dopo l'approvazione del regolamento da parte del Consiglio Comunale.

Come calcolare e pagare la Tasi (o l'Imu)

Per il pagamento della Tasi (tassa sui servizi indivisibili) la FbTributi non ha inviato alcun bollettino poiché, come per l'Imu, la legge prevede la dichiarazione del proprietario e l'autoliquidazione tramite F24 o bollettino postale. Se si sceglie l'F24 si dovrà compilare la parte che riguarda i dati personali del contribuente, residenza e codice fiscale. Se l'immobile è intestato anche ad altre persone, oppure il versamento è effettuato da eredi o tutori, occorrerà inserire anche gli stessi riferimenti per tutti questi ultimi. È necessario, poi, inserire il numero di riferimento della propria amministrazione locale e indicare con una "x" se si tratta di un acconto, di un ravvedimento operoso, di un saldo o di altro. Il codice tributo da inserire nel modello F24 per l'abitazione principale è 3958, così come deliberato nella risoluzione 146/E dell'Agenzia delle Entrate, in data 24 aprile 2014. I cittadini che hanno già versato la prima rata a giugno dovranno pagare solo il saldo entro il 16 dicembre 2014, all'aliquota già fissata a maggio e rimasta invariata (1,7x1000). Nel caso specifico, quindi, bisognerà barrare la casella relativa al "saldo". L'anno di riferimento è ovviamente il 2014. Per calcolare l'importo della TASI si può utilizzare il calcolatore online messo a disposizione dal sito "Amministrazioni Comunali" che si può raggiungere cliccando qui, oppure ci si può rivolgere ai centri di assistenza fiscale.

Modalità di riscossione della Tari
Nella seduta del 23 aprile scorso il Consiglio comunale ha determinato il numero delle rate, la scadenza e le modalità di riscossione della Tari, la nuova tassa sui rifiuti. La Tari va pagata in tre rate: 40% entro il 30 maggio, 30% entro il 30 settembre e il restante 30% a conguaglio entro il 30 novembre (per il saldo da versare entro il 30 novembre 2014 si riceverà un avviso successivo, e verrà calcolato sulla base delle nuove tariffe Tari che saranno approvate con apposita deliberazione di consiglio comunale).

 

 

 

 

Pubblicato in Comunicati
28 Mag 2014

Come calcolare la TASI e pagare la prima rata

La prima rata della TASI (tassa sui servizi indivisibili) scadrà il 16 giugno 2014 e la FbTributi non invierà alcun bollettino per il pagamento poiché, come l'IMU, la legge prevede la dichiarazione del proprietario e l'autoliquidazione tramite F24.

Per calcolare l'importo della TASI si può utilizzare il calcolatore online messo a disposizione dal sito "Amministrazioni Comunali" che si può raggiungere cliccando qui, oppure ci si può rivolgere ai centri di assistenza fiscale.

Il codice tributo da inserire nel modello F24 è 3958, così come deliberato nella risoluzione 146/E dell'Agenzia delle Entrate, in data 24 aprile 2014.

 

Pubblicato in Comunicati
23 Mag 2014

Fissata l’aliquota TASI per il 2014: zero per tutti gli immobili diversi dalle prime case, fabbricati rurali e quelli in uso alle attività produttive

Nella seduta del 21 maggio, il Consiglio comunale ha approvato la delibera relativa alle aliquote della Tassa sui Servizi Indivisibili (Tasi), la cui prima rata scadrà il 16 giugno, nel rispetto della normativa che disciplina il tributo.

Per la prima casa e relative pertinenze l’aliquota è pari all’1,7 per mille, mentre per tutte le altre tipologie di immobili e fabbricati diversi dalle prime abitazioni, compresi i fabbricati rurali e quelli in uso alle attività produttive l’aliquota è pari a zero

«Approvando nei tempi previsti la delibera sulla Tasi – ha dichiarato il sindaco, Luciano Marinucci – in primo luogo facciamo il nostro dovere di amministratori oculati e prudenti, rispettando le previsioni di legge e garantendo al Comune la possibilità di formulare in tempi ragionevoli il bilancio preventivo, evitando di lavorare, come l’anno scorso, in regime di dodicesimi e di anticipazioni di cassa fino a novembre, per colpa delle incertezze del Governo, non permettendoci una corretta programmazione degli interventi.

Inoltre, e questo è l’aspetto più importante, abbiamo salvaguardato le fasce deboli della cittadinanza, poiché evitiamo la generale applicazione dell’aliquota dell’1 per mille in attesa della definizione della Tasi che il Governo aveva previsto per i Comuni inadempienti ed evitiamo di colpire con un nuovo balzello le attività produttive, già gravate di tasse pesanti che strozzano l’economia principale del nostro territorio. Senza contare che diamo alle famiglie la possibilità di pagare con una maggiore dilazione un tributo che comunque va pagato e che con l’approvazione tardiva sarebbe stato caricato interamente nell’ultima parte dell’anno.

Infine, poiché le nostre aliquote sono eque e moderate, sono certo che quando tutti i Comuni avranno deliberato sulla Tasi, San Giovanni Teatino sarà uno dei paesi in cui si applicheranno le aliquote più basse».

Pubblicato in Comunicati
24 Apr 2014

Approvata la delibera sulla Tassa sui Rifiuti (TARI)

Nella seduta del 23 aprile scorso il Consiglio comunale ha determinato, come prescrive la legge, il numero delle rate, la scadenza e le modalità di riscossione della TARI, la nuova tassa sui rifiuti, che è una delle tre componenti della IUC, Imposta Unica Comunale (che al suo interno ha la tassa sugli immobili, ex Imu, e quella sui servizi indivisibili, come pubblica illuminazione e manutenzione stradale).

La TARI dovrà essere pagata in tre rate: 40% entro il 30 maggio, 30% entro il 30 settembre e il restante 30% a conguaglio entro il 30 novembre.

In allegato la delibera completa.

Pubblicato in Affari Finanziari
31 Gen 2014

Conguaglio Tares 2013: il 10 febbraio scade il termine per versare la quota comunale

Come deliberato dal Consiglio comunale nella seduta di dicembre, il pagamento della terza rata a conguaglio della Tares relativa alla sola quota spettante al Comune dovrà essere effettuato entro il 10 febbraio prossimo.

Pubblicato in Area Finanziaria

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità dei nostri siti. Maggiori informazioni privacy policy.

Accetto l'utilizzo di cookies.